Settore Viola


Introduciamo questo e tutti gli argomenti contenuti nei settori contrassegnati con un colore, spiegando perché facciamo riferimento al sistema energetico dei chakra.

Tutto ciò che percepiamo nella Materia è, in realtà, solo una piccolissima parte di essa; la maggior parte è manifestazione di energia, vibrazioni, campi elettro-magnetici e procede, sempre in movimento, con moto ondulatorio ed a spirale. Per questo, esiste un riferimento energetico del Pianeta, di tutti gli Esseri viventi e di tutto ciò che esiste nell’Universo. E’ percepibile con i sensi sottili, non con i sensi fisici: questo vuol dire che la gran parte di ciò che esiste non è facilmente percepibile. Bisogna affinare i nostri sensi ed imparare a percepire “oltre”. Da qui la necessità di lavorare individualmente per avere sempre più Consapevolezza di Sé e di ciò che chiamiamo REALTA’.

Settimo chakra. Settore della Spiritualità. Ci siamo allontanati dalla materia con i suoi bisogni ed ora siamo nell’espansione totale della coscienza, nell’unione con il Tutto. La dualità è superata. Osserviamo con stati di coscienza elevati gli Universi, Multiversi, Creati.

  • Consapevolezza e Coscienza di Sé allargate, connessione con il Tutto
  • Comprensione ed eventuale applicazione della fisica quantistica
  • Spiritualità
  • Il Sufismo
  • Il Tantrismo
  • Il Buddismo

Forme di terapia ed intervento

  • Stati di coscienza elevatissimi che non hanno più bisogno di mezzi materiali
  • Diagnostica al di là dei limiti spazio temporali
  • Meditazioni e Visualizzazioni di espansione e connessione

Questo è il settore del DIRITTO DI SAPERE, di apprendere, raccogliere dati che il precedente centro di energia elaborerà ed organizzerà…E’ il diritto all’educazione, all’informazione vera e trasparente, alla conoscenza e il diritto alla libertà spirituale.

Se ci viene imposto un dogma fin da bambini, viene violato il diritto del settimo chakra, il cui impegno è quello di ricercare la conoscenza con lo studio, l’osservazione e la raccolta dati.

Intorno ai 12 anni di età, iniziamo la vera esplorazione dell’esistenza e tendiamo naturalmente all’ascolto del nostro divino interiore: dovremmo poter vivere in un ambiente intellettualmente stimolante e venire incoraggiati a mettere in discussione i sistemi di convinzioni e a pensare con la nostra testa e a rispettare le nostre le altrui idee.

Compito di questo chakra è, non solo quello di raccogliere dati, ma anche quello di attivare la coscienza espansa che ci permette la visione dall’alto, di “sentire” la vera percezione delle cose e di “comprendere” la coscienza di essere parte dell’Uno, del Tutto.

ASSOCIAZIONI DI IDEE: IMPARARE, CONSAPEVOLEZZA, INFORMAZIONE, DIVINO, SPIRITO, VUOTO, SPAZIO, DIMENSIONE, ESPANSIONE, UNO, UNITA’, COSCIENZA.

L’area fisica collegata a questo chakra è la corteccia cerebrale alla ghiandola pituitaria (ipofisi), sistema nervoso centrale, cervello, capelli.

Il sesto e settimo chakra lavorano comunque in tandem, collaborando a partire dalle loro funzioni specifiche.

IL PENSIERO

Siamo partiti dal chakra della radice, concentrato in un punto di esistenza ed ai bisogni dell’esistenza collegato e siamo giunti al chakra della corona, abbiamo percorso la via che porta dalla valle su su fino alla cima della montagna e ora, con la prospettiva più ampia possibile in un corpo incarnato, espandiamo la vista della nostra coscienza e riflettiamo su ciò che osserviamo: le linee generali del disegno che ci riguarda e che riguarda tutto ciò che esiste.

In questo livello possiamo prendere coscienza ed esaminare la coscienza stessa, attiviamo lo specchio interiore e osserviamo…

Il pensiero è la prima emanazione della coscienza sulla via della manifestazione…penso quindi sono…

L’ORDINE

Tutto ciò che esiste, per il fatto stesso che esiste, è la manifestazione di un ordine intrinseco, ma la coscienza addormentata ha l’impressione di vivere nel caos, dal momento che non coglie le connessioni infinite che legano cose ed eventi rendendoli coincidenti . Quando la nostra coscienza sarà sufficientemente schiarita, allora cominceremo a percepire l’ordine e la perfezione che stanno in ogni cosa.

Ognuno di noi, data la sua esperienza, crea una sua MATRICE interiore che rappresenta il suo sistema ordinatore conscio. Questa matrice si forma fin dai primi giorni e diviene il nostro punto di riferimento mentale (ad esempio, l’aver subito un trauma formerà nella matrice la convinzione che potrebbe ripetersi e ci farebbe reagire di conseguenza in tutte le circostanze simili al trauma, come uno schiaffo). Mano a mano, l’esperienza aggiunge sempre nuove schede di convinzioni alla nostra matrice e, situazioni rafforzanti un evento, possono favorire il fatto che noi “saldiamo” le nuove schede all’intero sistema di convinzioni.

Altri elementi della nostra MATRICE CENTRALE, NUCLEO DI RIFERIMENTO, sono nozioni che abbiamo scelto di immettere, o che abbiamo sperimentato ed accettato, o che abbiamo studiato e fatto nostro. Dapprima le nuove schede orbitano intorno al nostro sistema di riferimento, ma se nel tempo le accettiamo, allora si salderanno alla matrice centrale e diverranno parte delle nostre convinzioni. Ma allo stesso modo hanno funzionato e funzionano TUTTI I CONDIZIONAMENTI.

E’ perciò importante saper tornare nel nostro nucleo e saper escludere, dissaldare, la maggior parte di schede che non ci appartengono realmente. Se accade qualcosa di molto traumatico e l’arrivo della scheda è diretto, allora il nostro NUCLEO COSCIENZA si frammenta, la matrice mentale di riferimento crolla, ed entriamo in processi psicotici di varie personalità, rimozione dei fatti ed anestesia delle emozioni.

La COSCIENZA, per quanto possa espandersi, rimane un’ ESPERIENZA INTERIORE. Il sistema CERVELLO/MENTE dispone di più di 13 miliardi di cellule nervose.

Quelle addette alle percezioni sensoriali (sull’esterno) sono 100.000.000. Ora, questi centomila recettori sensoriali, con tutte le possibili sinapsi e collegamenti, arrivano a formare un sistema di 10 miliardi di possibilità: questa è la capacità della COSCIENZA della percezione dell’ ESTERNO.

I rimanenti quasi 13 miliardi di recettori nervosi, con tutti i collegamenti e possibili sinapsi, formano un numero più grande di tutti gli atomi dell’Universo: questa è la capacità della COSCIENZA INTERIORE.

Per guardare dentro di noi e comprendere l’esistenza abbiamo a disposizione l’infinito: è questa la Via per avere accesso alle dimensioni che travalicano i limiti di spazio e tempo.

Fuori siamo nel qui e ora, dentro possiamo raggiungere il sempre e ovunque.

VISUALIZZAZIONE DEI 7 LIVELLI DI CONNESSIONE > Audio

ECCESSO E CARENZA

Un settimo eccessivo si manifesta in persone saccenti che insistono nell’avere ragione e cercano di dominare gli altri con un atteggiamento di superiorità. Il loro elitarismo spirituale o intellettuale è opprimente, ma può attirare settimi carenti. Sono persone fredde, distaccate e con la testa per aria.

Un settimo carente ha difficoltà a pensare a se stesso, e si affida agli altri, sempre in cerca di una guida. Manifestiamo carenza anche quando ci ostiniamo a rimanere attaccati alle nostre convinzioni e credenze, quando rifiutiamo di metterci in discussione e di cambiare.