Settore Arancione

Introduciamo questo e tutti gli argomenti contenuti nei settori contrassegnati con un colore, spiegando perché facciamo riferimento al sistema energetico dei chakra.

Tutto ciò che percepiamo nella Materia è, in realtà, solo una piccolissima parte di essa; la maggior parte è manifestazione di energia, vibrazioni, campi elettro-magnetici e procede, sempre in movimento, con moto ondulatorio ed a spirale. Per questo, esiste un riferimento energetico del Pianeta, di tutti gli Esseri viventi e di tutto ciò che esiste nell’Universo. E’ percepibile con i sensi sottili, non con i sensi fisici: questo vuol dire che la gran parte di ciò che esiste non è facilmente percepibile. Bisogna affinare i nostri sensi ed imparare a percepire “oltre”. Da qui la necessità di lavorare individualmente per avere sempre più Consapevolezza di Sé e di ciò che chiamiamo REALTA’.

A questo settore appartiene tutto ciò che riguarda le relazioni umane più vicine alla materia, attraverso la connessione con le emozioni, la sessualità e l’appartenenza di genere.

  • Il corpo in movimento: lo sport, le arti motorie, la bio-energetica…
  • Contatti umani: interazzialità, scambi di culture e tradizioni
  • Arti povere, artigianato: insegnamenti di antiche tradizioni pratiche
  • Salute: rimedi naturali e vibrazionali. medicina integrata
  • Percorsi ambientali

Forme di aiuto e terapia

  • Idroterapia, talassoterapia,
  • Fitoterapia, gemmo terapia …ecc
  • Zooterapia
  • Medicine popolari e tradizionali (cinese, ayurvedica, tradizionale autoctona)
  • Massaggi: riflessologia, digitopressione …
  • Outdoor

Il DIRITTO che appartiene alla dimensione del Secondo Chakra è il DIRITTO di SENTIRE, di provare ed esprimere emozioni. La parola sanscrita del corrispondente chakra vuol dire DOLCEZZA.

Una cultura che disprezza chi fa trapelare le proprie emozioni e che considera sintomo di debolezza essere sensibili, infrange questo diritto. Frasi come Guarda come sei brutta quando piangi – Sei cattivo/a – Non fare la femminuccia – Non urlare – Smettila di ridere, ecc… col passare degli anni ci convincono che le emozioni e il loro manifestarsi siano sconvenienti, poco produttive e corrano il rischio di svelare i nostri punti deboli. E così, il fluire stesso della vita ed il colore di tutto ciò che sperimentiamo, vengono bloccati e annebbiati. Il secondo chakra comincia a risentirne e può, da subito mandare in tilt parte del nostro cervello emotivo che risiede nell’intestino.

Questo chakra, detto anche “sacrale”, è importante fin dal momento della nascita, ma comincia la sua e vera propria funzione soprattutto fra il primo e il secondo anno di età, quando cominciamo a sperimentare l’altro con le relative sensazioni ed emozioni. Avere uno sviluppo sano di questo chakra ci permette poi, con il terzo, di avere ben chiaro ciò che vogliamo, perché se non possiamo “sentire” non potremo “volere”. E’ questo il centro della sperimentazione dei sensi, della registrazione del dolore e del piacere. Non a caso, la maggior parte dei traumi che subiamo nell’infanzia vanno ad intaccare questo chakra e le sue funzioni. Ne conseguirà una società in maschera, fasulla e mentale nella quale non c’è posto per comunicare aldilà delle convenzioni.

ASSOCIAZIONI D’IDEE: CAMBIAMENTO, MOVIMENTO, DUALITA’, DESIDERIO, EMOZIONI, PIACERE, SESSO, ACQUA, CONTATTO, RELAZIONE.

Ghiandole gonadi. Questo chakra è fisicamente collegato all’osso sacro, ai genitali, ai fianchi, all’intestino crasso, alla milza, alla parte bassa della schiena, ovaie, utero, testicoli, prostata e sistema urinario. Spostandoci dal I° al II° chakra aggiungiamo alla percezione di noi stessi la percezione dell’altro, sperimentiamo la dualità, la separazione, l’attrazione e la repulsione, scopriamo il regno dei desideri e delle emozioni. Con il primo chakra abbiamo sentito la solidità e ora, con il secondo, possiamo sperimentare il movimento, l’andare verso…l’altro (impariamo a camminare).

Il MOVIMENTO attiva il circolo delle energie e fa fluire anche i fluidi corporei con maggiore dinamismo apportando un miglioramento del generale stato di salute. Le EMOZIONI, sono energia in movimento, fluidità del nostro essere: perciò l’elemento di questo chakra è collegato all’ ACQUA. Se noi le lasciamo scorrere esse puliranno, metteranno in comunicazione, romperanno gli argini che ci limitano e soffocano… Noi siamo composti per la quasi totalità d’acqua! Le emozioni sono il risultato dell’incontro fra corpo e consapevolezza.

DUALITA’ E POLARITA’: dalla singolarità passiamo alla dualità e perciò possiamo SCEGLIERE, in base ai nostri sentimenti e desideri. Questa è una condizione indispensabile per poter poi esercitare la propria VOLONTA’. Pur nella loro complessità, le EMOZIONI possono essere considerate reazioni alla sperimentazione del DOLORE e del PIACERE. Le emozioni meno piacevoli ( esempio la tristezza, la paura, la noia…) nascono dall’esperienza e dall’aspettativa del DOLORE e costituiscono l’energia necessaria ad effettuare un cambiamento, una trasformazione, perché cerchiamo di non sperimentarle più allo stesso modo. Felicità ed entusiasmo, invece, ci fanno sperimentare il PIACERE e ci inducono benessere.

Entrambi, sono comunque residui del sistema basilare di sopravvivenza: il dolore è il messaggio che qualcosa o qualcuno sta minacciando la nostra sopravvivenza. Questo ci fa contrarre e bloccare l’energia all’interno. Quando il problema sopravvivenza è risolto, possiamo rilassarci e sperimentare il piacere. Il dolore è un’importante funzione messaggio che, contraendo, ci costringe a tornare in contatto con noi e a riacquistare consapevolezza del nostro stato. Riacquistata consapevolezza, proviamo l’espansione del piacere.

ECCESSO E CARENZA

Il secondo chakra CARENTE porta alla paura dei cambiamenti ed emotivamente si può apparire piatti e lenti nelle reazioni. C’è difficoltà a provare emozioni in generale e a percepire le emozioni altrui, finendo con il non accorgersi di ferire o di piacere. Potremmo rifuggire al piacere e muoverci in modo rigido, non fluido. Saremo caratterizzati da un eccesso di auto-controllo, mettere poca o nulla passione nelle cose e vergognarci nell’esprimere emozioni o nel percepire le emozioni altrui.

Il secondo chakra ECCESSIVO invece produrrà persone troppo emotive, lunatiche , influenzabili dalle emozioni altrui. Sessualmente mai appagati, sfrenati appetiti sessuali e desiderosi di cambiamento, bisognosi di stimoli sociali e di condivisione. Avremo persone tendenti a riempirsi molto la vita. In questo l’energia liberatoria che dovrebbe fluire verso l’alto si disperde e non è più in grado di nutrire i chakra superiori.

ESERCITAZIONE PRATICA: movimento di danza fluido del movimento fluido > AUDIO

Arancione

COSA MANGIAMO VERAMENTE?

° IMPARARE A CONOSCERE GLI ADDITIVI ALIMENTARI. Di Angela Gimelli – Da: “Il potere curativo dei cibi” di Michael T.  Murray. Gli additivi sono i prodotti aggiunti agli alimenti  confezionati  per correggerne l’aspetto,  la consistenza o la conservabilità e, salvo rare eccezioni devono comparire in etichetta insieme agli ingredienti.  Gli additivi utilizzati in Italia devono…

EDIFICARE IN MODO ECO-SOSTENIBILE.

L’architettura sostenibile (detta anche green building, bioarchitettura o architettura bioecologica) progetta e costruisce edifici in grado di limitare gli impatti nell’ambiente. Piuttosto che un ambito disciplinare, l’architettura sostenibile è un approccio culturale al progetto che fa riferimento alla Baubiologie (bioedilizia) nata negli anni settanta in Germania, e che si è poi sviluppata includendo i principi ecologici e il concetto di sviluppo sostenibile. ESCURSUS STORICO ABITATIVO…

Nuovo tentativo del governo di sdoganare vecchi e nuovi OGM

Invece che essere qui a trattare di come l’Italia abbia finalmente deciso di svoltare verso un’agricoltura 100% biologica, un paese come il nostro che ne avrebbe a tutti gli effetti le potenzialità e i relativi benefici, siamo costretti a denunciare l’ennesimo atto contro la volontà popolare e il buon senso. Il provvedimento in questione di…